Acciaio – Perché Effettuare il Trattamento Termico di Carbocementazione?

Posted on
carbocementazione

Nel post pubblicato martedì, abbiamo preso in esame il trattamento termico della solubilizzazione degli acciai austenitici e duplex. Oggi vogliamo, invece, parlare di quello di carbocementazione che permette, in base all’applicazione, di modificare le proprietà dei componenti.


In cosa consiste il trattamento termochimico di carbocementazione?

La carbocementazione è un trattamento termico di diffusione che permette ad un componente meccanico di acciaio con un basso tenore di carbonio di incrementarne il suo tenore. In seguito alla carbocementazione, i pezzi di acciaio devono essere sottoposti anche ad un trattamento di tempra prima e ad uno di rinvenimento (distensione) poi.

Le fasi del trattamento di carbocementazione sono queste:

  • riscaldare il forno fino a raggiungere la corretta temperatura di riscaldamento (questa è variabile a seconda delle caratteristiche degli acciai che vengono trattati e a seconda delle proprietà finali del pezzo che si vogliono conseguire)
  • i particolari vengono posizionati all’interno del forno e lasciati lì:
    • fino al raggiungimento di un’uniformità di temperatura in ogni loro parte
    • quando è avvenuto il processo di assorbimento del carbonio (il carbonio si trasferisce dall’atmosfera del forno agli strati superficiali dei particolari trattati).
  • successivamente subiscono un brusco raffreddamento in un bagno di sale, di olio o di acqua (così viene indotta la trasformazione martensitica)
  • in ultimo, viene eseguito un rinvenimento a bassa temperatura (detto “distensione”).
Quali sono i parametri fondamentali per questo tipo di trattamento?

Per effettuare il trattamento di carbocementazione sono necessari degli impianti in atmosfera controllata, dove sono regolati:

  • la temperatura (che dovrà mantenersi superiore alla fine della trasformazione a caldo)
  • la durata di permanenza del pezzo all’interno del forno (tempo predeterminato).

Questi parametri, infatti, risultano essenziali per il controllo della profondità della cementazione e della durezza.

 

Perché effettuare la carbocementazione?

Ma qual è, nello specifico, lo scopo del processo di carbocementazione? Principalmente, questo è fondamentale per aumentare la durezza della superficie dei pezzi in acciaio. Così, questi ultimi saranno superficialmente resistenti all’usura, agli urti e al grippaggio, mantenendo al loro interno una buona tenacità ma una minore durezza e resistenza interna. Inoltre, questo trattamento permette di migliorare la resistenza a fatica e a sollecitazioni meccaniche del pezzo.

 

Cosa è possibile sottoporre a carbocementazione?

I pezzi di acciaio sottoposti a carbocementazione sono utilizzati spesso nell’industria meccanica/automobilistica. Per esempio, nella costruzione di autoveicoli o di organi di macchine che lavorano per attrito (come ingranaggi, perni d’appoggi di alberi, ecc..). Inoltre, questo tipo di trattamento è fatto anche sugli elementi di fissaggio come viti autofilettanti, bulloni, dadi e rondelle. Oppure in diversi tipi di utensili quali:

  • utensili a mano (es. lame per sega, cacciaviti)
  • utensili per tranciare
  • altro (calibri, maglie di catene, stampi ecc..)

Cerchi bulloneria, raccorderia, accessori nautici in acciaio inox o elementi di fissaggio per impianti fotovoltaici?

Visita il nostro sito. Registrati al nostro e-commerce per visualizzare in tempo reale prezzi e disponibilità di tutti i nostri prodotti.

Visita il sito

Vuoi leggere altri post? Continua qui.

WordPress Theme by RichWP